Lilyjane

Lilyjane

Lilyjane

..sono di tutto un po'... Lilyjane sono io..ma anche un pò le persone che si ritroveranno nei miei pensieri e riflessioni... non scriverò solo io: con me lavoreranno Mommy, Zompetta, Blackzappa ed altri amici che, ogni tanto, mi aiuteranno a tenervi compagnia...
BENVENUTI A TUTTI VOI AMICI :)

Route 66- 14 Agosto 2016 Tulsa/ Oklahoma

Sesso, Amore e fantasiaPosted by Lilyjane Sun, August 14, 2016 20:39:59
Avevo una storia un tempo. Avevo una storia meravigliosa che ricorderò tutta la vita perché, pur senza vincoli, mi aveva salvata in molti modi possibili: avevo ricominciato a provare emozioni forti, avevo capito cosa volesse dire voler bene ad una persona che, tra l'altro, avrei potuto "perdere" da un giorno all'altro. Era finita, purtroppo, nel giorno in cui avevo ben inteso che quelle emozioni di cui la relazione si nutriva si erano sopite per lui. Non volevo essere una "tanto per", volevo essere quella "per cui ne valeva davvero la pena", seppur per quei brevi spazi d'eternità e nel totale rispetto della vita dell'altro. Era rimasto nel mio cuore, anzi, credo che un po' vi rimarrà sempre insieme all'amara delusione che aveva seguito la mia presa di coscienza. In questi giorni ho viaggiato non poco: circa seicento km da Saint Louis a Tulsa - Oklahoma- e così ho avuto modo di pensare, di riflettere sul mio percorso di vita e...sul percorso che stavo vivendo ora. La old Route in queste zone subisce un'ampia diramazione con la interstate 44 e attraversa immense distese di verdi praterie; le temperature tendono ad alzarsi e pure l'umidità. Mi è capitato di fermarmi per strada in un piccolo storico pit stop e di essermi ritrovata alla partenza fradicia come non mai. Ciò nonostante ho avuto proprio li' l'incredibile fortuna di imbattermi in colui che si definiva lontano parente di un famoso capotribù dei Creek, la più antica tribù indiana del luogo. Questa comunità era nota per i profondi dissidi interni tra coloro che vivevano nelle terre più a nord rispetto ai "mediani" mai nettamente decisi nella posizione da prendere nei confronti degli inglesi, che trattavano con gli americani per la spartizione delle loro terre. Due cose mi hanno particolarmente colpito della digressione para culturale del parente dei nativi. La prima: i Creek odiavano coloro che uccidevano il prossimo ed erano convinti che l'anima del defunto ucciso non avrebbe trovato pace sino alla vendetta...la seconda che, però, tutto il resto- nonostante il grado di nefandezza che potesse raggiungere- veniva perdonato con un rito denominato " festa del perdono"...era un'occasione che perdurava qualche giorno tra luglio e agosto, proprio il periodo in cui io mi trovavo a viaggiare nelle loro terre. Nella serata finale delle giornata di "purificazione"- laddove la gente della comunità veniva perdonata come si trattasse di una assoluzione e benedizione urbi et orbi- si era soliti bere una bevanda composta da erbe dei luoghi, una pozione nera con un incredibile effetto emetico. Probabilmente mi ero immedesimata molto nel racconto perche quella sera credo di aver vomitato come se non vi fosse un domani...probabilmente era l'whisky che avevo acquistato giorni prima fregandomene altamente del rischio di poter trascorrere qualche notte in gattabuia qualora beccata in stato di ebbrezza! A parte tutto Tulsa e' una cittadina carina: poco più di trecentomila abitanti a cavallo di una sorta di "laghetto artificiale" piuttosto panoramico. Assolutamente da visitare il Philbrook Museum of Art al 2727 S.Rockford RD 74114 Stati Uniti: inserito nella vera casa dello storico pioniere Waite Phillips e della moglie Genevieve raccoglie numerose e splendide opere d'arte anche degli antichi nativi americani. Ora mi trovo nel comodo letto di uno storico ed apprezzabile motel ( Claremor Motor Inn al 74017 -1709 N.Lynn Riggs Blu) e, onestamente, credo di dover spegnere i pensieri e riposare un po' .

  • Comments(0)//www.lilyjane.it/#post108