Lilyjane

Lilyjane

Lilyjane

..sono di tutto un po'... Lilyjane sono io..ma anche un pò le persone che si ritroveranno nei miei pensieri e riflessioni... non scriverò solo io: con me lavoreranno Mommy, Zompetta, Blackzappa ed altri amici che, ogni tanto, mi aiuteranno a tenervi compagnia...
BENVENUTI A TUTTI VOI AMICI :)

Transiberiana -05/06 Settembre 2017

Sesso, Amore e fantasiaPosted by Lilyjane Sat, November 04, 2017 17:47:09
L'incontro con la buffa coppia aveva permesso a Lilyjane di rientrare in contatto con la realtà. Quell'atmosfera un po' surreale che percepiva l'aveva dolcemente tramortita e, in qualche modo difficile da descrivere, le aveva fatto un po' perdere il suo consueto raziocinio...del resto era un po' quello che voleva: imparare a non sentirsi obbligata ad avere sempre tutto sotto controllo.
Ad ogni modo aveva fame e si era fatta ora di cena. Inutile descrivere quanto fosse sexy con quel vestito rosso: durante il tragitto verso la sala da pranzo aveva incontrato più di una persona e, ovviamente, più di uno sguardo, ma lei a questo era piuttosto abituata seppur le facesse sempre piacere. Aveva 35 anni ed era ancora giovane, ma non così giovane dal non trovar piacevole occhi di tutte le età che le ricordavano quanto fosse ancora bella.
Alla porta del mini salotto antistante la sala ove avrebbe cenato incontro' due giovani uomini poco più che ventenni, presumibilmente russi o ucraini che, con un accenno di elegante saluto con il capo, le aprirono le due ante della porta. Si trovò improvvisamente come catapultata in un'epoca storica antecedente. Quella fatta di intrighi e nobiltà ed abiti lunghi e sfarzosi, quella delle carrozze e degli sguardi furbi, ma appena accennati, quella dei pomeriggi delle dame a sorseggiare del The dalle tazzine decorate e dei salotti dei nobili e degli arricchiti. Fu una sensazione meravigliosa, che durò giusto il tempo di scontrarsi con un cameriere maldestro e piuttosto maleducato che le indicò di dirigersi velocemente alla cena senza troppi convenevoli. Lilyjane non sopportava la gente troppo scontrosa e poco empatica, ancor di più se il soggetto fosse stato lì per rendere più agevole la loro lunga permanenza sul treno dei sogni. Di quel cameriere, però, amava ancor meno gli occhi da serpe, allungati ed inespressivi se non per un accenno di scontrosità poco latente ...
Arrivo' in sala e prese posto al numero di tavolo che le era stato assegnato. Era un tavolo che insisteva sul finestrino. Vi sarebbero state sedute comodamente quattro persone, ma le era stato tranquillamente offerto dato il numero non certo elevato di passeggeri.
Trovava splendido poter cenare nel mentre di osservare il paesaggio eterno che si succedeva fuori dalla casa viaggiante. I colori così tendenti a quelli dell'autunno: le sembrava di sentire il profumo boschivo delle foglie bagnate, di quello intenso del sottobosco e di funghi ...pure quello delle castagne che la nonna usava bollire e darle per merenda.
Ordino' una vellutata di verdure miste e un bicchiere di vino rosso. Nel mentre di alzare il bicchiere ed avvicinarlo al volto entro' lui ...

  • Comments(0)

Fill in only if you are not real





The following XHTML tags are allowed: <b>, <br/>, <em>, <i>, <strong>, <u>. CSS styles and Javascript are not permitted.